Edizioni Limitate

DUNHILL Year of the Rat Shell Briar - EDIZIONE LIMITATA NUMERO 167 DI 218

Cod. Dunhill D853
EUR 550,00 / taxfree 450,82
?
$
Disponibile
 Articolo aggiunto al carrello
Spedizione gratuita in tutta Italia con posta raccomandata per ordini superiori a 50.00 €
Download PDF Download PDF
Prodotto aggiunto alla Lista dei Desideri! Aggiungi alla Lista dei Desideri
Fai una domanda
SPECIFICHE TECNICHE
inch / oz
mm / gram
1.
Lunghezza
157 mm 6.18 inch
2.
Altezza fornello
32 mm 1.26 inch
3.
Diametro esterno
37 mm 1.46 inch
4.
Diametro interno
20 mm 0.79 inch
5.
Profondità fornello
27 mm 1.06 inch
Peso
28.40 gram 1.00 oz
 
Dimensione complessiva
Medio-Piccola
 
Filtro
NO
Condizione
Nuovo
Nazione
Regno Unito
Marca
Dunhill
Modello
Prince
Finissaggio
Sabbiata
Forma
Semi Curva
Materiale
Radica
Bocchino
Ebanite
Ornamento
Argento
Sacchetto originale
del produttore
Scatola originale
del produttore
CONFRONTA CON ALTRI ARTICOLI VAI ALLA PAGINA DI CONFRONTO
CARATTERISTICHE

Prodotta in Inghilterra (anno 2019) - ghiera in argento

Porta pipa in pelle color terracotta

La pipa viene consegnata in confezione regalo

I DODICI ANIMALI

Nell’astrologia cinese, ci sono dodici animali che rappresentano dodici diversi tipi di caratteri o personalità. Gli animali zodiacali sono, in ordine sequenziale: ratto, bue, tigre, coniglio, drago, serpente, cavallo, capra, scimmia, gallo, cane e maiale.

Vi sono diverse storie che spiegano perché questi animali rappresentano lo zodiaco cinese. Una leggenda narra che l’Imperatore di Giada chiamò al suo cospetto tutti gli animali del suo regno, ma che solo dodici di essi vi si presentarono.

Grato per il loro impegno, egli decise di chiamare gli anni successivi con i nomi di quegli animali, in ordine di arrivo, in modo che le caratteristiche di ognuno fossero trasmesse ai nati in quegli anni.

Il gatto e il topo erano notoriamente i peggiori nuotatori nel regno animale. Anche se cattivi nuotatori, erano entrambi intelligenti. Così decisero che il modo migliore e più veloce per attraversare il fiume era di salire sul dorso del bue. Il bue, animale ingenuo e bonario, accettò di trasportarli. Tuttavia, sopraffatto da una feroce competitività, il topo decise che, per vincere, doveva fare qualcosa e spinse il gatto nel fiume. Per questo motivo, il gatto non ha mai perdonato il topo, e odia l'acqua.

Dopo che il bue attraversò il fiume, il topo saltò in avanti, raggiunse la riva per primo e vinse il primo posto nella competizione.

Subito dopo seguì il forte bue, che fu nominato il 2° animale dello zodiaco.

Dopo il bue, arrivò la tigre, ansimando, e spiegò all'imperatore quanto fosse difficile attraversare il fiume con le forti correnti che lo spingevano a valle per tutto il tempo. Alla fine, con una potente forza, era riuscita a raggiungere la riva e fu nominato il 3° animale del ciclo.

Improvvisamente, da lontano arrivò il coniglio spiegando che era riuscito ad attraversare il fiume saltando agilmente da una pietra all'altra. A metà del tragitto aveva quasi perso la gara, ma aveva avuto la fortuna di afferrare un tronco galleggiante che poi l’ha portato fino a riva. Così, diventò il 4° animale del ciclo dello zodiaco.

Al 5° posto arrivò il drago, volando ed eruttando fuoco in aria. Naturalmente, l'imperatore era profondamente curioso di sapere perché una creatura forte e capace di volare, come il drago non fosse arrivato prima. Il possente drago spiegò che dovette fermarsi per aiutare tutte le creature della terra, e perciò era rimasto un po' indietro. Poi, per la sua strada verso il traguardo, vide un piccolo coniglio impotente aggrappato a un tronco, così fece una buona azione e soffiò verso la povera creatura in modo che potesse arrivare a riva. L'imperatore era molto soddisfatto delle azioni del drago, e lo aggiunse nel ciclo dello zodiaco.

Non appena aveva fatto ciò, si udì il suono di un galoppo e apparve il cavallo.
Nascosto sullo zoccolo del cavallo c’è il serpente, la cui improvvisa apparizione spaventò il cavallo che retrocesse, spiegando così perché il serpente è il 6° animale del ciclo e il cavallo è il 7°.

Poco dopo arrivarono a riva la capra, la scimmia e il gallo.
Questi tre animali si erano aiutati a vicenda. Il gallo aveva trovato una zattera e aveva preso gli altri due animali con sé. La capra e la scimmia insieme, avevano raccolto le erbacce e tirando e tirando avevano portato la zattera a riva. Grazie ai loro sforzi congiunti, l'imperatore nominò la capra come 8°, la scimmia come 9° e il gallo come 10°.

L’11° animale è il cane. Anche se doveva essere il miglior nuotatore tra tutti, spiegò il motivo del suo ritardo: aveva bisogno di un buon bagno e l'acqua fresca dal fiume era stata per lui una grande tentazione e per questo non era arrivato al traguardo per primo.

Alla fine arrivò il maiale. Il maiale, che durante la gara aveva fame, si fermò per un banchetto e poi si addormentò. Dopo il pisolino riprese la gara e arrivò 12° e ultimo.

Il gatto arrivò troppo tardi (tredicesimo) per vincere qualsiasi posto nel calendario, e promise di essere il nemico del topo per sempre.

ANNO DEL TOPO

Realizzata per celebrare il 1° anno del ciclo di 12 anni del calendario cinese, la pipa in edizione limitata Year of the Rat è la prima della serie delle pipe che rappresentano i segni dello zodiaco cinese.

La pipa di quest’anno è una classica Prince gruppo 3 (3407) in finissaggio Cumberland and Shell con bocchino in ebanite Cumberland o Ebanite nera fatto a mano che riporta il famoso White Spot.

Su ogni pipa è montata una ghiera argento 10mm con inciso il segno zodiacale del topo e accompagnata da una custodia in morbida pelle color Terracotta appositamente realizzata per questa edizione limitata e non disponibile separatamente.

Questa edizione è limitata a 218 pezzi in tutto il mondo nel finissaggio Cumberland e a 218 pezzi nel finissaggio Shell.

Poiché tutti i numeri contenenti la cifra “4” sono stati esclusi (il '4' rappresenta la morte in diversi paesi asiatici), in realtà vengono realizzate solo 178 pipe per finissaggio, di cui solo 177 pezzi sono messi in vendita. L'edizione numero '1' è conservata negli archivi White Spot.